Pubblicato il Lascia un commento

L’Egitto riduce i prezzi dei voli interni

Egypt reduces domestic flight prices

Il governo egiziano ha ricevuto una notifica di un’iniziativa per ridurre i prezzi dei voli aerei nazionali. Questa iniziativa nasce come stimolo al turismo domestico. È fantastico che l’Egitto riduca i prezzi dei voli interni durante questo periodo!

Periodo di iniziativa

Il governo attuerà questa iniziativa a partire dal 15.01.2021, fino al 28 febbraio dello stesso anno.

Scopi e obiettivi

Questa iniziativa rientra nel quadro degli sforzi dello Stato a sostegno del settore turistico. Mira a stimolare il turismo interno per varie destinazioni turistiche in tutta la repubblica.

 È stato inoltre concordato che la compagnia nazionale “EgyptAir” ridurrà i biglietti aerei per le destinazioni turistiche. Nel frattempo, gli hotel situati in quelle destinazioni offriranno prezzi promozionali, per contribuire a incoraggiare i viaggi.

Lo conferma il ministero dell’Aviazione in un comunicato diffuso per istituire meccanismi per stimolare il movimento turistico interno. Questa dichiarazione è arrivata martedì 05.01.2021, sotto le raccomandazioni del Comitato ministeriale per il turismo e le antichità. È stato durante la riunione tenuta sotto la presidenza del Primo Ministro nel dicembre 2020.

L’iniziativa mirerà a ridurre i prezzi dei voli nazionali. Inoltre collegherà città turistiche in vari governatorati, organizzando viaggi dal Cairo a Luxor, Assuan, Sharm El Sheikh, Taba, Hurghada e Marsa Alam, e da Alessandria a Luxor e Assuan.

Inoltre, il Ministero dell’Aviazione ha confermato che i prezzi dei biglietti aerei, per egiziani e stranieri, saranno comprensivi di tasse. Certamente, questa riduzione sarà forfettaria nel periodo dal 15 gennaio al 28 febbraio 2021.

Il quadro dell’iniziativa

Nell’ambito dell’iniziativa, la Camera delle Strutture Alberghiere comunicherà i prezzi dei soggiorni negli alberghi aderenti all’iniziativa. Di conseguenza, questi hotel applicheranno tariffe di alloggio incoraggianti per tutto il periodo di attivazione dell’iniziativa, con un impegno del 50% della capacità. Certamente, tutti questi passaggi saranno accompagnati dai controlli operativi stabiliti e dalla necessità di rispettare tutte le misure precauzionali e i controlli di sicurezza sanitaria in tutti gli aeroporti, musei, siti archeologici, ristoranti, mense, hotel e autobus turistici.

Il Consiglio Supremo delle Antichità, nella sua ultima seduta, ha deciso di concedere una riduzione del 50% sui prezzi dei biglietti per tutti gli egiziani nelle aree archeologiche e nei musei dei governatorati di Qena, Luxor e Aswan.

Perché l’Egitto riduce i prezzi dei voli interni

Certamente, il governo in Egitto prende queste iniziative per limitare l’impatto sul turismo causato dalla malattia di Coronavirus. In modo incoraggiante, il governo egiziano ha adottato in precedenza più procedure e iniziative per aiutare il settore del turismo. Naturalmente tutte queste iniziative mirano ad evitare le elevate spese di viaggio. L’iniziativa aiuterà i turisti a superare le spese elevate sia per i test PCR che per i biglietti di viaggio.

Punti salienti

Il COVID-19 è una malattia infettiva causata da un coronavirus appena scoperto. La maggior parte delle persone che si ammalano di COVID-19 sperimenteranno sintomi da lievi a moderati e guariranno senza un trattamento speciale.

Molti governi, in tutto il mondo, hanno adottato procedure per ridurre il contagio tra il pubblico. Tra queste procedure: fare un’analisi medica PCR.

Pubblicato il Lascia un commento

Scoperta della nave da guerra di epoca tolemaica nella baia di Abu Qir

Scoperta della nave da guerra di epoca tolemaica nella baia di Abu Qir

La missione archeologica egiziano-francese dell’Istituto europeo di archeologia dell’alloro (IEASM), lavorando nella città sommersa di Heraklion nella baia di Abu Qir – Alessandria, ha trovato il relitto di una nave da guerra di epoca tolemaica, attrezzata per navigare nel fiume Nilo. Inoltre, sono stati rinvenuti i resti di un’area funeraria greca risalente all’inizio del IV secolo a.C. La scoperta della nave da guerra dell’era tolemaica nella baia di Abu Qir arriva come una serie di scoperte nello stesso luogo.

Contesto storico della nave da guerra dell’era tolemaica nella baia di Abu Qir

Mustafa Waziri, segretario generale del Consiglio supremo delle antichità, ha affermato che la nave doveva attraccare nel canale che scorreva lungo la facciata superiore del tempio di Amon. Tuttavia, questa nave affondò a causa del crollo del tempio da parte di un devastante terremoto. Successivamente, il crollo del tempio provocò la caduta di enormi blocchi su di esso nel corso del II secolo a.C. Per fortuna, la caduta di quei blocchi di pietra ha aiutato a mantenere la nave nel profondo canale, ora disseminato di relitti di templi.

Ayman Ashmawy, capo del settore delle antichità egiziane, ha spiegato che lo IEASM ha scoperto il relitto di quella nave sotto quasi 5 metri di fango solido. Questo fango rappresenta il fondale marino ed è mescolato con i resti del tempio. Ha aggiunto che lo IEASM ha utilizzato dispositivi di scavo subacquei come dispositivi di profilatura sub-bottom per trovarlo.

Mentre Frank Goddio, capo della missione dell’Istituto europeo di archeologia sommersa (IEASM), ha sottolineato che il ritrovamento di navi veloci risalenti a quell’epoca è ancora molto raro. E che le navi greche di questo tipo erano del tutto sconosciute fino alla scoperta della nave punica Marsala (235 a.C.), che è “Il nostro unico esempio.

Descrizione della nave da guerra dell’era tolemaica

Ha aggiunto che gli studi preliminari indicano che la nave aveva una lunghezza di oltre 25 metri. Tuttavia, lo scafo è stato costruito secondo lo stile classico che si basa sulla tecnica del docus-and-deck. Tuttavia, questo stile conserva le caratteristiche di quello dell’antico Egitto. Rappresenta quindi una tipologia costruttiva mista.

La nave era a fondo piatto e aveva una trave piatta, utile modello per la navigazione nel Nilo e nel delta, e aveva remi con una grande vela, come indica la forma dell’albero di grandi dimensioni.

Come indicano alcune caratteristiche tipiche della costruzione navale nell’antico Egitto, nonché prove del riutilizzo del legname. Questi sono abbastanza frammenti di prove che i marinai hanno costruito questa nave in Egitto.

Fatti che circondano la scoperta della nave da guerra di epoca tolemaica nella baia di Abu Qir

Ehab Fahmy, capo del Dipartimento centrale delle antichità sommerse, ha affermato che la missione è riuscita a trovare i resti di un’area funeraria greca risalente all’inizio del IV secolo a.C., all’ingresso del canale nord-orientale della città. Questa scoperta indica la presenza di mercanti greci che vivevano in quella città e controllavano l’ingresso in Egitto alla foce della città – Il ramo canopo del Nilo.

Ha sottolineato che gli è stato permesso di stabilirlo durante la tarda era faraonica e hanno allestito i loro templi funerari vicino al tempio principale del dio Amon. Ma a causa di disastri naturali, l’area è stata completamente distrutta. Di conseguenza, la missione ha trovato i resti archeologici mescolati con un tempio stabile di Amon, e in ottime condizioni nel canale profondo durante il cedimento del terreno causato dal fenomeno della fragilità della Terra.

Ha sottolineato che questi monumenti sono una testimonianza della ricchezza dei templi di quella città, che ora si trovano sotto la superficie del Mar Mediterraneo, a 7 chilometri dalla spiaggia di Abu Qir.

Città di Heraklion

Vale la pena ricordare che la città di Heraklion è stata per secoli il più grande porto d’Egitto sul Mediterraneo. Ha svolto questo ruolo fino alla fondazione della città di Alessandria da parte di Alessandro Magno nel 331 a.C. Diversi terremoti, seguiti da maremoti, hanno causato la fragilità del terreno e il crollo di una sezione di circa 110 chilometri quadrati del Delta del Nilo. Di conseguenza, le città di Heraklion e Canopus affondarono sotto il mare. La missione dell’Istituto Europeo di Archeologia Sommersa (IEASM) ha riscoperto le due città in collaborazione con il Dipartimento Centrale delle Antichità Affondate presso il Ministero del Turismo e delle Antichità, nel periodo dal 1999 al 2001.

Pubblicato il Lascia un commento

Preparazione per trasferimento della prima barca di Khufu

Preparazione per trasferimento della prima barca di Khufu

Il trasferimento della prima barca di Khufu è un enorme evento archeologico, a cui l’Egitto sarà testimone nel prossimo periodo. Pertanto, la preparazione per il trasferimento della prima barca di Khufu è così importante. Il processo includerà il trasferimento della prima barca Khufu dal suo posto nel Complesso della Piramide di Giza al Grande Museo Egizio. Questo processo di trasferimento avverrà utilizzando il veicolo intelligente e telecomandato per trasportare la barca come un pezzo intero, prendendo in considerazione, proteggendola e fissandola durante lo spostamento.

Primo Esperimento di Efficienza

In preparazione al trasferimento della Prima Barca Khufu, il gruppo di lavoro del Grande Museo Egizio ha condotto, nell’ultimo periodo, il primo esperimento per testare l’efficienza delle prestazioni del veicolo designato per il trasferimento della prima Barca Khufu, al fine di garantire l’arrivo in sicurezza della barca, che ha riscontrato il successo richiesto.

Le ultime procedure e attrezzature archeologiche e ingegneristiche necessarie per condurre un esperimento di simulazione finale per il processo di trasferimento della prima barca del re Khufu dalla sua attuale posizione nell’area delle Piramidi di Giza alla sua esposizione permanente presso il Grande Museo Egizio, durante le prossime settimane , sono stati discussi.

La discussione è avvenuta durante un incontro tenutosi la mattina del 17.06.2021, presieduto dal Dott. Khaled El-Anany, Ministro del Turismo e delle Antichità, con il Maggiore Generale Atef Moftah, supervisore del progetto del Grande Museo Egizio e dell’area circostante, Dr. Mostafa Waziri, Segretario Generale del Consiglio Supremo delle Antichità, e Dr. El-Tayeb Abbas, Vice Ministro per gli Affari Archeologici al Museo. E alcuni leader museali, per seguire l’evoluzione dei lavori del Gran Museo Egizio.

L’incontro ha anche discusso gli ultimi sviluppi nel lavoro archeologico e di ingegneria nel museo, così come il file di fornire e gestire i servizi lì.

Trasferimento delle procedure della prima barca di Khufu

Il Maggiore Generale Atef Moftah, Supervisore Generale del Gran Museo Egizio, ha spiegato che questo è il primo esperimento di una serie di esperimenti che saranno effettuati dal team di ingegneria e archeologia del museo in collaborazione con il Consiglio Supremo delle Antichità, per garantire l’arrivo sicuro della barca.

Inoltre, ha sottolineato che il processo di trasferimento sarà effettuato da un veicolo intelligente telecomandato che è stato appositamente portato dal Belgio per trasportare la nave in un unico pezzo, dopo averla protetta e messa in sicurezza durante lo spostamento.

Ha aggiunto che l’esperimento mira a testare l’efficienza del veicolo e le sue capacità di resistenza durante il processo di spostamento sui vari assi delle strade su e giù, oltre a conoscere l’entità della sua capacità di manovra in curve e dislivelli su le strade, e porta pesi simili al peso della barca, e un modello della sua struttura metallica protettiva, con la stessa lunghezza e larghezza. .

Il maggiore generale Atef Moftah ha sottolineato che l’esperimento ha dimostrato il suo successo e la capacità e l’efficienza dell’auto intelligente di completare con successo il processo di trasporto, come l’equilibrio dell’auto, la sicurezza e la stabilità della struttura metallica mentre si cammina e sulle curve, insieme al l’efficienza e la sicurezza delle strade sono state pienamente garantite. Ha detto che la barca è stata separata dall’attuale edificio del museo, e la barca e la struttura metallica sono diventate una parte in preparazione per il processo di trasferimento finale dopo il completamento dei restanti lavori di ingegneria.

Le informazioni più importanti sul trasferimento della prima barca di Khufu

  • Il trasferimento della prima barca di Khufu dall’area delle piramidi al Grande Museo Egizio è l’evento a cui il mondo sarà testimone nelle prossime settimane.
  • La barca Khufu è una delle barche del sole, che è il più grande monumento organico sopravvissuto della storia.
  • Il trasferimento dall’area delle piramidi al Grande Museo Egizio avverrà durante una semplice celebrazione senza processione.
  • Finitura della protezione dello scafo della barca con una struttura in legno in preparazione del suo trasferimento al Grande Museo Egizio.
  • La preparazione della prima barca Khufu per il trasporto è stata completata, con il telaio saldamente fissato allo scafo della barca per proteggerlo e preservarlo durante il processo di trasporto.
  • La prima barca di Khufu sarà trasferita nella sua nuova sede espositiva all’interno di un edificio museale attrezzato per esporre le barche del sole al Grand Egyptian Museum.
  • Il trasporto sarà effettuato utilizzando un veicolo designato per il primo trasferimento in barca di Khufu.
  • Il veicolo utilizzato per il trasporto intelligente telecomandato.
  • È stato portato appositamente dal Belgio per trasportare la barca in un unico pezzo.