Dio Osiride

Dio Osiride

Osiride è uno degli dei più venerati nella storia dell’antico Egitto. È il dio dell’agricoltura, della fertilità, dei morti, della vita, della resurrezione e della vegetazione. Di solito, le immagini usate per il dio lo fanno sembrare una divinità dalla pelle verde con la barba di un re. Le gambe di Osiride sono parzialmente avvolte da una mummia e indossa una caratteristica corona Atef. Inoltre, il dio tiene anche un bastone simbolico e un flagello. Osiride è stato uno dei primi dei ad essere associato agli involucri della mummia.

Relazioni

Osiride era considerato il figlio maggiore del dio della Terra Geb. Nut, la dea del cielo, era sua madre. I miti affermano anche che Horus sia il figlio di Osiride. Il dio era anche il marito e il fratello della dea Iside. Tuttavia, durante l’Antico Regno (2686-2181 aC), il faraone era considerato il figlio del dio del sole Ra. Dopo la sua morte, Osiride ascese per unirsi a Ra nel cielo.

Tuttavia, con la diffusione del culto di Osiride, ci fu un cambiamento nelle credenze. Osiride fu associato all’epiteto Khenti-Amentiu che significa “Il primo degli occidentali”. Inoltre, la combinazione di diverse credenze con lah la divinità lunare, Osiride è anche il dio della Luna.

Osiride è il fratello del malvagio Set. Inoltre, è anche il fratello di Iside, Nefti e Horus il Vecchio. Gli storici hanno scoperto le prime prove del culto di Osiride a metà della V dinastia egizia.

Nomi di Osiride

Il dio Osiride era il giudice dei morti e degli inferi. Inoltre, il giudice dell’agenzia ha stabilito tutta la vita e la fertile inondazione del fiume Nilo. Osiride è anche chiamato “Colui che è permanentemente benigno e giovanile” e il “Signore del silenzio”. Inoltre, i racconti dicono che i re d’Egitto erano associati a Osiride nella morte. Questo li ha portati ad ereditare la vita eterna attraverso un processo di magia imitativa.

Il dio è associato alla speranza di una nuova vita dopo la morte. Ciò ha portato all’associazione del dio con i cicli visti in natura, come la vegetazione e le inondazioni annuali del fiume Nilo. Il faraone si collega anche alla levata eliaca di Orione e Sirio all’inizio del nuovo anno.

Inoltre, alcuni egittologi ritengono che Osiride fosse un sovrano vivente in epoca predinastica (5500-3100 aC) nel delta del Nilo. Osiride era un sovrano così benevolo che la gente lo venerava come un dio. Ciò conferma ulteriormente il simbolo del bastone e del flagello associato al dio.

Il famoso racconto di Iside e Osiride

Il racconto mitologico di Iside e Osiride è un classico intramontabile della mitologia egizia. Abbraccia diversi temi che riappaiono in innumerevoli storie. Questi racconti hanno portato gli egittologi a credere che Iside e Osiride fossero antichi sovrani. Hanno portato la civiltà alla gente della valle del Nilo. Inoltre, hanno dato loro la legge, l’arte e la cultura.

Il mito di Osiride Una volta che il mondo è entrato nella creazione, i primi cinque dei sono nati attraverso l’unione di Geb e Nut. Questi erano Osiride, Iside, Set, Nefti e Horus. Osiride, essendo il maggiore, assunse il ruolo di sovrano della Terra. Iside divenne la sua regina e consorte. Osiride era un sovrano benevolo e diede all’Egitto leggi, cultura e religione e insegnò loro l’agricoltura. I racconti ricordano l’Egitto come un paradiso sotto il dominio di Osiride.

Assassinio di Osiride

Man mano che la riverenza per Osiride cresceva, suo fratello Set divenne geloso e risentito del successo di suo fratello. Set, il maligno odiava Osiride e Iside. Più la gente amava Osiride, più Set preparava piani su come rovesciare Osiride. Più tardi, Set, con settantadue dei suoi amici malvagi, escogitò un piano per distruggere il faraone.

Ha ottenuto le misure del corpo di Osiri e ha realizzato un bellissimo petto alla sua forma esatta. La cassa consisteva del più bel cedro ed ebano. Più tardi, Set organizzò una grande festa in onore di Osiride. La festa ha avuto il cibo e il vino più stravaganti. Durante questa festa, Set ha tirato fuori questa bellissima cassapanca con intagli in oro e argento. Ha proclamato che avrebbe dato la cassa a chiunque si adattasse perfettamente alla scatola.

Osiride non sapeva dei piani malvagi di Set e decise di provare a rientrare nella scatola. Si stese nel petto mentre tutti guardavano. Con sua grande gioia, la scatola si adattava perfettamente a Osiride, e lui gridò che il baule era suo. Set sibilò che il baule sarebbe appartenuto a lui per sempre mentre sbatteva il coperchio sul petto. In fretta, Set sigillò la bara e gettò la bara nel fiume Nilo.

Portarono la cassa nel grande mare che la condusse alla riva di Biblo. Qui le onde gettano la bara in un tamerici. L’albero emanava una divinità che lo rese famoso in tutta la terra di Biblo. Il re di Biblo non sapeva che l’albero conteneva lo spirito del dio Osiride. Quindi, re Malcander ordinò che l’albero fosse tagliato e modellato in una colonna per il suo palazzo.

Restauro di Osiride

Successivamente, a Skondia, l’atto malvagio di Set ha scioccato Isis. Ha deciso di trovare il corpo di Osiride. Dopo molte prove e tribolazioni, finalmente si imbatté nel Regno di Biblo. Qui ha scoperto il pilastro di tamerici che conteneva il corpo di Osiride. Più tardi Iside trasportò con successo il corpo del marito morto a Skondia. Temendo Set, nascose la bara nelle paludi del delta.

Tuttavia, Set scoprì la cassa e tagliò il corpo di Osiri in quattordici pezzi. Ha sparso i pezzi nel fiume. Più tardi, Iside viaggiò sulla terra e riscoprì i frammenti di Osiride. Trovò tredici pezzi e costruì un santuario per ciascuno di essi. Non è riuscita a trovare solo un pezzo che un pesce aveva ingoiato. Successivamente, Iside riunì i pezzi per magia e creò di nuovo Osiride. Successivamente, lo spirito di Osiride passò in Amenti per governare sui morti.

Conclusione

Il mito di Osiride mette in mostra i valori più importanti della cultura egiziana. Armonia, ordine, vita eterna e gratitudine. La storia mostra come anche un dio, Set, possa cadere preda dell’ingratitudine. Il mito racconta anche la storia della successiva vittoria dell’ordine sul caos. Questo è un valore centrale nella cultura e nella religione egiziana. Le feste della caduta del Nilo e del Pilastro Djed celebrano rispettivamente la morte e la resurrezione di Osiri.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.