The Temples of Abu Simbel in Aswan

Templi di Abu Simbel

I Templi di Abu Simbel – i più famosi templi scavati nella roccia che si trovano vicino al moderno villaggio di Abu Simbel, nella Seconda Cataratta del Nilo, il confine tra la Bassa Nubia e l’Alta Nubia. Ci sono due templi, il Grande Tempio, dedicato allo stesso Ramses II, e il Piccolo Tempio, dedicato a sua moglie, la regina Amun-her-khepeshef.

Ubicazione dei Templi di Abu Simbel

I templi di Abu Simbel sono due imponenti templi di roccia nel villaggio nubiano di Abu Simbel, governatorato di Assuan, in Egitto. Si trovano sulla sponda occidentale del lago Nasser, a circa 230 km a sud-ovest di Aswan.

Storia dei Templi

I templi gemelli furono originariamente scavati nel fianco della montagna nel 13 ° secolo aC, durante il 19 ° regno della dinastia del faraone Ramses II. Durante il suo regno, Ramses II costruì numerosi templi grandiosi, in Nubia, per impressionare le potenze dell’Egitto e per assicurarsi la fonte d’oro e molti altri preziosi beni commerciali.

La costruzione del complesso del tempio iniziò intorno al 1264 aC e durò per circa 20 anni, fino al 1244 aC. Era conosciuto come il “Tempio di Ramses, amato da Amon“.

Templi di Abu Simbel dopo il V secolo d.C.

Con il divieto di adorare antiche divinità in Egitto, i templi caddero in disuso e alla fine si coprirono di sabbia. Dal 6 ° secolo dC, la sabbia copriva già le statue del tempio principale fino alle ginocchia. Il tempio fu dimenticato fino al 1813, quando Jean-Louis Burckhardt trovò il fregio superiore del tempio principale. Burckhardt ha parlato della sua scoperta con l’esploratore italiano Giovanni Belzoni, che si è recato sul posto, ma non è riuscito a scavare un’entrata al tempio. Belzoni tornò nel 1817, questa volta riuscendo nel suo tentativo di entrare nel complesso.

Dopo la costruzione della diga di Assuan sul fiume Nilo, il trasferimento dei templi era necessario o sarebbero stati sommersi durante la creazione del lago Nasser, il massiccio serbatoio artificiale costruito dietro quella diga.

Salvataggio dei Templi ad Abu Simbel

Nel 1959 iniziò una campagna di donazioni internazionali per salvare i monumenti della Nubia: le reliquie più meridionali di questa antica civiltà umana erano minacciate dalle acque del Nilo che stavano per nascere dalla costruzione della diga di Aswan.

Il salvataggio dei templi di Abu Simbel è iniziato nel 1964 da un team multinazionale di archeologi, ingegneri e operatori specializzati in attrezzature pesanti che lavorano insieme sotto la bandiera dell’UNESCO; al momento costava circa 40 milioni di dollari. Tra il 1964 e il 1968, l’intero sito è stato accuratamente tagliato in grandi blocchi (fino a 30 tonnellate, in media 20 tonnellate), smantellato, sollevato e rimontato in una nuova posizione a 65 metri più in alto ea 200 metri dal fiume, in uno dei più grandi sfide dell’ingegneria archeologica nella storia. Alcune strutture sono state persino salvate da sotto le acque del lago Nasser.

Il complesso è stato trasferito nella sua interezza nel 1968 sotto la supervisione di un archeologo polacco, Kazimierz Michałowski, su una collina artificiale fatta da una struttura a cupola, sopra il bacino idrico di Aswan High Dam.

Il colosso collassato del Grande Tempio apparentemente cadde durante un terremoto poco dopo la sua costruzione. Spostando il tempio, si è deciso di lasciarlo mentre manca il volto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: