Dio Thot

Uno degli dei più importanti dell’antico Egitto, Thot era il dio della scrittura, della saggezza, della magia e della luna. Varie versioni dell’origine di Thot cospargono il corso della storia. Alcuni sostengono che il dio si sia creato da sé. Tuttavia, altri sostengono che sia nato dal seme di Horus che proveniva dalla fronte di Set. La gente spesso vedeva Thot come il figlio di questi due dei che rappresentavano rispettivamente l’ordine e il caos. Così, lo scelsero anche come dio dell’equilibrio.

D’altra parte, le leggende collegano Ma’at al dio. La sua associazione si estendeva sia all’equilibrio divino che alla dea Ma’at, che rappresentava questo principio. La dea era talvolta raffigurata anche come la moglie di Thot.

I vari nomi di Dio Thot

Il nome egiziano originale di Thot era Djehuty che tradotto in “Colui che è come l’Ibis”. Gli antichi egizi veneravano l’uccello Ibis come sacro e lo associavano alla saggezza. Inoltre, Thot aveva altri nomi come Tahuti, Tehuti, Jehuti, Tetu, Zehuti, Techu. La gente lo chiamava anche il Signore di Khemenu, in seguito città di Hermopolis, che servì come importante centro di culto per lui.

L’associazione di Thot con il dio Hermes ha portato i greci a chiamare Thot “Ermete Trismegisto” (Thot il tre volte grande). Questo è anche il motivo dietro la denominazione della città Hermopolis. Inoltre, altri racconti si riferiscono al dio come “Signore di Ma’at”, “Scriba di Ma’at in compagnia degli dei”, “Signore delle parole divine”. La divinità è più comunemente indicata come il giudice giusto e incorruttibile.

Origine di Dio Thot

Come altri dei pantheon egiziani, Thot ha diverse storie di origine. Alcuni sostengono che Ra abbia creato Thot dal suo labbro all’inizio della creazione. Quindi, era conosciuto come “dio senza madre”. Tuttavia, secondo altri racconti, Thot si è creato da solo all’inizio dei tempi e ha deposto un uovo cosmico sotto forma di Ibis che conteneva tutta la creazione.

Thot e Horus

Allo stesso tempo, le storie collegavano strettamente il dio con Ra e la teoria dell’ordine e della giustizia divini. Tuttavia, un’altra famosa storia che racconta le contese di Horus e Set dal 1190-1077 a.C. lancia una storia di origine completamente diversa. Secondo questo manoscritto egiziano, durante i combattimenti tra Set e Horus per il diritto di governare, il seme di Horus creò Thot che Set inghiottì accidentalmente.

Questo testo racconta la storia di Set, che si è imposto a Horus. Più tardi, Set andò a vantarsene con altri dei. Tuttavia, non era a conoscenza del fatto che Horus avesse preso in mano il seme di Set che era stato poi tagliato da Iside e gettato nel fiume Nilo. Nel frattempo, Horus ha messo il suo seme nel cibo preferito di Set.

Questo Set accidentalmente impregnato del seme di Horus. Quindi, mentre Set si vantava del suo misfatto, Horus ha contestato la sua affermazione. Chiese agli dei di invocare il suo seme. Con grande dispiacere di Set, il seme di Horus ha risposto alla chiamata da dentro di lui. Il seme si raccolse sulla fronte di Sets e portò alla nascita del dio Thot.

Tutte le versioni, tuttavia, hanno una somiglianza. Tutte le versioni collocano Thot come lo scriba che registra gli eventi della contesa tra Set e Horus. Inoltre, si offre di consigliare entrambi. Ha mediato la lotta tra gli dei e li ha guariti entrambi in momenti diversi.

Thot credeva che entrambe le parti fossero ugualmente capaci e non dovessero ottenere un vantaggio sleale sull’altra. Quindi, guarì Set e Horus durante la loro battaglia. Allo stesso modo, tra gli esseri umani, il dio presiedeva alla giustizia sulla Terra.

I ruoli di Dio Thot

Gli antichi egizi attribuiscono al dio la creazione di numerosi rami della conoscenza che includevano magia, legge, religione, scienza, scrittura, filosofia e arte. Quindi, questo lo ha reso il giudice più affidabile in grado di prendere decisioni giuste. Inoltre, i greci ammiravano il dio a tal punto da definirlo il creatore della conoscenza.

Inoltre, gli altri dei tenevano in grande considerazione Thoth. Quando le terre straniere (la lontana dea) rapirono la figlia di Ra, gli dei scelsero Set per recuperarla. Thot si travestì da babbuino o da scimmia. Chiese alla dea di tornare a casa attraverso la perseveranza, l’astuzia e l’umiltà.

Come ricompensa per il suo servizio, gli dei gli donarono la dea Nehemtawy come sua consorte. Inoltre, Thot ha svolto un ruolo significativo nella nascita dei cinque dei originali dell’Egitto. Secondo la mitologia, Nut rimase incinta all’inizio del mondo. Ciò fece arrabbiare molto il dio Ra che poi maledisse Nut affermando che non avrebbe partorito in nessun giorno dell’anno.

Divisione del chiaro di luna

Sconvolto dalla paura, Nut corse dal dio della saggezza Thot e implorò il suo aiuto. Per aiutare Nut, il dio ha giocato con il dio della luna Lah. Ha giocato per altri cinque giorni al chiaro di luna. Thoth vinse la scommessa e divise il chiaro di luna di Lah in cinque giorni extra che non facevano parte dell’anno originale, come menzionato da Ra. Ciò ha permesso a Nut di sfuggire alla maledizione di Ra e di far nascere ciascuno dei suoi figli (Osiride, Nefti, Set, Horus e Iside) in quei cinque giorni.

Più tardi, nonostante fosse arrabbiato con Nut, ha onorato il modo intelligente con cui Thot ha aggirato la sua maledizione. Quindi, ha dato a Thot un posto d’onore nella sua barca celeste che ha attraversato il cielo di giorno e gli inferi di notte. Successivamente, Thot protesse Ra difendendolo dal serpente Apophis che voleva distruggere il dio del sole.

Gli antichi credevano che avesse creato la parola scritta sia per gli umani che per dio. Quindi, gli scribi lo rivendicarono come loro patrono e lo onorarono all’inizio di ogni giorno. Il concetto che Toth ha creato le parole lo ha reso immortale e una parte incredibilmente importante della cultura dell’Antico Egitto.

Conclusione

L’antico Egitto collega il dio Thot a diversi aspetti vitali della loro vita. La sua dimora fungeva da luogo sicuro per il riposo delle anime e riceve aiuto contro i demoni anche nell’aldilà. Inoltre, le persone intorno all’antica terra veneravano il dio. La sua magia continua a vivere dalle vecchie pagine della storia all’Egitto moderno.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.